Un Vulcano di libri

è la Fiera vesuviana del libro e della lettura. Coinvolge autori, editori e lettori. Tre giorni per celebrare i libri e la lettura con esposizioni e presentazioni di libri, letture ad alta voce, book sharing, laboratori di scrittura creativa e tanto altro ancora.
15 - 16 - 17 Marzo Somma Vesuviana Complesso Monumentale Santa Maria del Pozzo

Editori

Scopri gli editori che parteciperanno a "Un Vulcano di Libri"

Autori

Scopri gli autori che parteciperanno a "Un Vulcano di Libri" 

La Location

la location 2019 complesso munentale di Santa Maria del Pozzo Somma Vesuviana

Programma

Scopri tutte le attività in programma per questa edizione di "Un Vulcano di Libri"

Paolo di Petta

dipetta180x180Paolo Di Petta nato nel 1973, è ingegnere e lavora tra Napoli e Roma come manager nel settore industriale Aeronautico. Si occupa di innovazione tecnologica nel campo dei materiali avanzati e, in tale ambito, è parte attiva di diversi progetti in sinergia con Università e Centri di Ricerca nazionali ed europei. Di formazione umanistica, appassionato di cinema e letteratura, questa è la sua prima opera, che ha preso luce venti anni fa, poi smarrita, recentemente ritrovata e rivisitata. A Napoli frequenta il laboratorio di scrittura creativa “Officina delle parole” di Vincenzo Alfano, presso la libreria indipendete “Locisto” ed è autore dei racconti in cento parole “Dissolvenze d’estate” e “ Un posto nel mondo”, pubblicati in Antologie edite nel 2019 da l’Erudita.

 

 

 

 

dipetta I DENTITY GENPassano tutti dalla Traversa, i personaggi di cui Greg racconta: Ghibli, detto “Il Pazzo”, che gira la città vestito da soldato; il Salvador, pittore surrealista nichilista; Cecilia, il porto sicuro dove riapprodare e da cui fuggire sempre; Geppy, l’amico fotografo a caccia di spazi metropolitani vuoti, occupati per un istante occasionale da persone in transito. È dalla Traversa che parte anche Greg, il protagonista narrante di uno spaccato dell’ultima generazione analogica, alla ricerca di se stessa e del proprio destino. Un manipolo di giovani, appena post-liceali negli anni Novanta, ai margini di una periferia metropolitana, che vive amori incerti, frugali, multipli, a tratti profondi, senza proteggersi dietro l’omologazione di un brand o di un’ideologia.
Tempi di narrazione discontinui, tra digressioni e presa diretta, un linguaggio semplice, ma mai stereotipato, un ritmo incalzante: è così che Paolo Di Petta ci guida alla scoperta di una generazione di passaggio, i primi ad avere a che fare con le tecnologie informatiche, gli ultimi che ancora riuscivano a farne a meno.

Visite: 300

Add comment

Security code Refresh