Italo Iovene

ItaloIovineNato a Napoli. Laureato in Giurisprudenza presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”. Ha lavorato nella Banca Commerciale Italiana. Ha pubblicato una raccolta di poesie dal titolo “Fragorosi silenzi e pensieri bradi” (2011). Per Diogene Edizioni ha pubblicato il romanzo “Le forbici di Atropo” (2014), “Il sogno dell’architetto” (2016), “La sindrome di Orfeo” (2018). Da 15 anni fa parte della “Compagnia Teatrale Cangiani” diretta da Lucio Monaco.

 

 

 

 

leforbiciIovine

Le Forbici di Atropo, due mondi – quello algido e cristallino dell’Olimpo e quello caotico, multiforme, onnivoro, violento eppur meraviglioso della nostra Napoli – si fondono e si compenetrano in una dimensione dove quegli stessi dei che nella letteratura classica partecipano alle vicende umane senza che sia mai intaccata la loro aurea serenità vedono il loro ruolo pericolosamente messo in discussione. Italo Iovene ci introduce sapientemente ad un nuovo, inedito “sentimento” divino: la preoccupazione, la consapevolezza della fragilità della propria posizione, un sottile senso di disagio ed inadeguatezza che si fa strada nella percezione di un ruolo che non è più stabile e immutabile ma suscettibile di crisi dirompenti. E così gli dei dell’olimpo vacillano, sono costretti ad immergersi in una realtà multiforme e pulsante spinti da una profonda e consapevole preoccupazione per il proprio destino.

 

 

 

 

ilsognoIovine

Il Sogno dell’Architetto, Michele ed Akram, due uomini nettamente diversi. Due opposti modi di amare. Un sogno che diventa realtà. La realtà che sfuma in un sogno, colorato dalla purezza di un sentimento.
Dopo “Le forbici di Atropo”, ancora una volta Italo Iovene dà vita ad una vicenda che, se pure alquanto improbabile, coinvolge il lettore fino all’ultimo colpo di scena, inaspettato e geniale.

 

 

 

 

 

LaSindromeIovine

La sindrome di Orfeo: Orfeo ed Euridice, l’Ade, le Menadi... ritorna la mitologia classica in questo nuovo romanzo di Italo Iovene. Quel mondo classico che ha ispirato in ogni epoca poeti, scrittori, musicisti e principalmente pittori si staglia sullo sfondo dell’avventura tutta attuale di un uomo concreto, Ettore, che va alla continua ricerca della sua Diana. Egli l’ha persa, ma attraverso una sfida alla realtà, concedendosi ai voli della fantasia e dell’impossibile, ne ricarca le tracce nel mondo dell’arte, pronto ad ascoltare i sussurri che possano ridare un senso alla sua vita.

 
La “Sindrome di Orfeo” è un romanzo di pensiero e di azione, ma essenzialmente è un romanzo d'amore.
 

Visite: 253

Add comment

Security code Refresh